NURSULTAN NAZARBAYEV HA PARLATO ALLA CERIMONIA DI APERTURA DEL FORUM

26 Aprile 2019

Il primo presidente del Kazakistan ha parlato delle prospettive per la globalizzazione.

Nursultan Nazarbayev ha parlato alla cerimonia di apertura del Secondo Forum di cooperazione internazionale "One Belt, One Way". Ha espresso gratitudine al presidente cinese Xi Jinping per la tradizionale ospitalità e l'invito al forum, riporta Total.kz.

"La saggezza cinese dice: "Se vuoi diventare ricco, costruisci strade." Questo si applica pienamente alla storia della Grande Via della Seta, che oggi stiamo ricostruendo congiuntamente. Duemila anni fa, grazie al coraggio e all'impresa della gente, l'Eurasia era già unita in un'unica rete di strade. È stato il primo prototipo di globalizzazione nella storia dell'umanità", ha affermato il Primo Presidente del Kazakistan.

Nursultan Nazarbayev ha notato che negli ultimi trent'anni ci sono stati molti concetti sulla rinascita della Via della seta in Eurasia, che non sono stati implementati.

"Per un momento potrebbe sembrare che la tendenza futura dello sviluppo umano fosse già predeterminata. Tuttavia, il modello di Silk Road proposto dalla Cina nel 2013 in Kazakistan è diventato non solo praticabile nelle moderne condizioni geopolitiche, ma anche di successo negli ultimi cinque anni e mezzo di sviluppo", ha affermato Elbasy.

Nursultan Nazarbayev ha sottolineato che il Kazakistan fin dai primi giorni ha sostenuto l'iniziativa di "Belts, ways" e si è concentrato sui risultati ottenuti dai risultati del primo Forum.

"Il mondo è chiaramente già molto stanco di concetti geopolitici conflittuali e sempre più di geoeconomia e sviluppo congiunto. "One Belt, One Way" personifica molto di più di una serie di nuove opportunità per la cooperazione economica. L'iniziativa riflette una forte richiesta storica di oltre 120 paesi del mondo per sicurezza, commercio diffuso e prosperità", ha affermato Nazarbayev.

Elbasy ha sottolineato che, nonostante le contraddizioni politiche, le sanzioni e le guerre commerciali, il volume degli scambi all'interno dell'iniziativa è in crescita e ammonta già a oltre 5 trilioni di dollari. Ha anche sottolineato la possibilità di interfacciare il progetto della cintura economica della Via della seta e l'Unione economica eurasiatica.

"La One Belt, One Way è stata in grado di aggirare le sfide della geografia e della disuguaglianza nello sviluppo. L'Eurasia si ricongiunge. Come duemila anni fa, le parti più diverse e distanti del nostro continente sono ora collegate in un'unica rete. In un breve periodo, siamo stati in grado di costruire corridoi economici che scavalcavano i complessi paesaggi naturali e le contraddizioni geopolitiche", ha detto Nursultan Nazarbayev.

Il primo presidente del Kazakistan si è soffermato separatamente sui risultati dello sviluppo infrastrutturale e sul potenziamento del potenziale di transito e trasporto.

"Negli ultimi dieci anni, il Kazakistan ha investito circa 30 miliardi di dollari in risorse per lo sviluppo delle infrastrutture, trasporto e logistica e competenza. Quasi 3 mila chilometri di ferrovie nazionali e 12,5 mila chilometri di autostrade sono stati modernizzati o commissionati. I porti marittimi e aerei domestici sono stati ricostruiti. Di conseguenza, un hub di trasporto moderno e competitivo è stato creato nel paese in breve tempo", ha affermato.

Inoltre, Nursultan Nazarbayev ha parlato dei progetti logistici realizzati con la partecipazione attiva del Kazakistan.

"Dal 2016, il piano per il collegamento del programma Nurly Zhol con Silk Belt Economic Belt è stato implementato con successo. Attraverso la Russia e il Kazakistan, l'Europa e la Cina sono collegate dall'autostrada intercontinentale di fascia alta "Europa occidentale – Cina occidentale". Il nostro paese ha costruito un terminal logistico nel porto cinese di Lianyungang. La linea ferroviaria commissionata "Kazakistan – Turkmenistan – Iran – Golfo Persico" sta guadagnando slancio. I porti kazaki di Aktau e Kuryk servono i crescenti volumi di trasbordo merci dalla Cina al Caucaso meridionale, in Turchia e oltre all'Europa", ha affermato il Primo Presidente del Kazakistan.

Elbasy ha sottolineato che attraverso la costruzione della "One Belt, One Way", il presidente Xi Jinping della Repubblica popolare cinese chiede la costruzione congiunta di una comunità di un unico destino di umanità.

"Il pensiero nuovo nella politica mondiale è in linea con la mia idea di G-Global, che è progettata per consolidare gli interessi di tutti i paesi", ha detto Nursultan Nazarbayev.

Al termine del suo discorso, Elbasy si è congratulato con tutto il popolo cinese per il 70° anniversario della Repubblica popolare cinese, augurandogli il successo nel raggiungimento degli obiettivi dello sviluppo dello stato.

Fonte: https://total.kz/ru/news/vneshnyaya_politika/nursultan_nazarbaev_vistupil_na_tseremonii_otkritiya_foruma_odin_poyas_odin_put_date_2019_04_26_12_04_59

Soci Fondatori


Soci Onlus


Copyright © 2016. All Rights Reserved. Designed and Developed by ewebsolution.it